Servizio Pubblico

Azioni e progetti nell'azienda pubblica di servizi alla persona di Bologna

PER UNA PROGETTAZIONE PARTECIPATA

 

Bologna, 2015 - Nel 2015, dietro sollecitazione della direzione generale dell’Asp, nell’arco di sei mesi, i responsabili e gli operatori dei servizi dell'Asp Citta' di Bologna, si sono impegnati in uno sforzo di incontro ed elaborazione, finalizzato anche ad individuare i punti di forza e di debolezza del proprio lavoro quotidiano, con l'obiettivo finale di modellare delle progettazioni che potessero migliorare i servizi.

Era venuto in mio supporto il Maestro Vincenzo Castelli, quotatissimo ed espertissimo progettista internazionale e leader di grandi progetti in America latina, con l'associazione On The Road. Fu lui a proporre una progettazione per ogni servizio da omogeneizzare dentro un catalogo.

Attraverso dei workshop dedicati, si è cercato di individuare le migliori prassi interne da valorizzare, nel contesto del sistema territoriale locale, mediante l'azione sui bisogni a cui i servizi fino a quel momento non avevano dato risposta.

Sono stati mesi di grande ricchezza per tutti quelli impegnati in questo processo, poichè per la prima volta le professionalità e i singoli serbatoi di know how sono stati collegati in un'unica soluzione di continuità.

Abbiamo scoperto tutti insieme le enormi potenzialità dell'Asp e sempre insieme, nella logica di una vera progettazione partecipata, abbiamo individuato le soluzioni più appropriate che potevano fare da valore aggiunto allo sviluppo del welfare sul territorio metropolitano.

Parole come innovazione e buone prassi non si sono rivelate semplici slogan, ma postulati che ogni operatore, nel proprio segmento di lavoro, aveva ben presente, a dimostrazione del dinamismo che poteva essere vantato sia a livello nazionale che europeo.

E' stato un lavoro collettivo, dunque, dove gli operatori delle tre aziende, che si sono unite in un'unica entità, operanti nell'ambito dell'inclusione, hanno potuto trovare un terreno di sintesi ed un'intesa davvero straordinari, pur in alcuni casi conoscendosi poco.

In questo percorso, l'aspetto che forse connotava meglio le logiche di interazione era possibile trovarle in quei progetti che attraversavano più servizi e che davano una rappresentazione dell'azienda dove più voci diventavano una.

Ma purtroppo i managment pubblici che si sono succeduti alla guida dell'Asp unica, non hanno colto questa ricchezza...

Le azioni significative

Di seguito riportiamo prima il progetto "ReCrossJob", in lingua originale, realizzato nell'ambito del programma AMIF, insieme all'ente privato Associazione Microfinanza e Sviluppo Onlus. Il progetto redatto nel 2015, ha riguardato la costruzione di un sistema di recrutamento europeo delle abilità artigianali dei migranti.

Seguiranno i due progetti innovativi riferiti allo Sportello Protezioni Internazionali, dentro il catalogo uscito fuori dai workshop deicati.

Per finire con due progettazioni del 2012 fatte confluire nell'allora Piano Strategico Metropolitano.

ReJobCross Europe

 

PROBLEM DEFINITION

3. The geopolitical situation in the world has led to a steady increase in migration flows between several countries and within different regions. Moving to Europe is still a dream for many migrants from southern countries (mainly African and Mediterranean) and the old continent remains the main destination of migratory routes.

The challenge to be faced is to find a way for promoting a proactive answer to manage and also to take the advantage of the opportunities brought by this phenomenon, whose increasing significance can be summarized in a few statistics: in the fourth quarter of the year 2014 the growth in the total number of applicants for international protection in the EU+ continued, rising 10% to over 210.000 applicants1 and increasing the high of 188.395 applicants set by the third quarter of 20142. In the 2014, there were more than 660.000 applicants for international protection in the EU+, a 42% increase when compared to the 2013. In the fourth quarter of the 2014 the ranking of the main countries of destination changed compared to the previous one and Germany, Hungary, Italy and Sweden were the main countries of destination, receiving 64 % of all asylum applicants registered in the EU+. Significantly higher numbers of applicants were recorded also in Spain (+515; +35 %).

In 2014 overall, Germany, Sweden, Italy and France were the main countries of destination, receiving the 62% of all asylum applicants registered in the EU+. The composition of the largest groups of asylum applicants registered in the EU+ consisted of citizens from Syria followed by Western Balkans countries, Eritrea, Afghanistan and Pakistan3. In 2013, 435.760 persons applied for international protection in the EU28, representing the highest number and the sharpest year-to-year growth (+30 % compared to 2012) since EU-level data collection began in 20084.

The high number of asylum seekers arrives in Southern European countries (mainly on cross-border Mediterranean countries) as a consequence of the political instability in the areas of crisis in the Middle East and in the region of the Horn of Africa, draws the attention to the different emergency and hosting models adopted in the EU countries.

Despite the effort of a standardizing policy at European level, practices and procedures adopted in every European country, in fact, may vary not only on reception conditions for asylum seekers but also on rates and criteria for accepting requests for protection. Conditions and procedures that changes dramatically from country to country. All this happens despite the intention of the European legislator though the Dublin Regulation, which originally aimed to create an area with an identical level of protection. Nowadays the only common element is, however, the fact that who gets the international protection in a European country does not have the opportunity to work regularly in another EU member State.

This means that the state that is detected by the Dublin system as competent to examine the request will be then also the State in which the person must remain once obtained the protection. This does not take account of the aspirations of the individual subjects, nor of their family/cultural bonds with some specific European countries, nor of the real prospects of finding employment in the different European areas, and following the different employment opportunities. In this way countries such as Malta, Italy, Spain, Greece, Germany, Sweden, are considered as homogeneous contexts. In reality, for those who received international protection in a Mediterranean country, this often leads to escapes in countries where the friendly and family networks are stronger.

An example of one of the main migration corridors within Europe is the route from Italy or Spain to Germany, which will be analyzed and tested in depth in the project. Considering that main departure points are southern Mediterranean countries and Middle East, the project needs to have a better understanding on key migrant routes from these countries to Italy, Spain and Germany and how these countries are linked through corridors for these flows. The outflows within Europe of these people cannot be guaranteed in legal terms, turning them into "ghost citizens". While the social integration of migrants passes through work and financial inclusion, thus, getaways and poor reception still represent a fracture in the European protection system, which is more and more showing its weak points.

In this framework it becomes difficult to facilitate a smooth social integration, as well as to take advantage of the professional skills of migrants. Foreign people might contribute with their skills or un-skilled profiles to help in professionalism today not covered (services, artisans, etc.). One of the options in place for promoting the job placement, the self employment by the creation of micro enterprises (including businesses co-managed by Beneficiaries of International Protection and Europeans Citizens) and the insertion of beneficiaries in existing local enterprises, will rely upon the expertise of the beneficiaries that represent scarce resources in the European labor market and activities destined to disappear.

This win-win approach will help the development of new micro businesses but it will also facilitate the inclusion of beneficiaries in local enterprises that are facing employment crisis or issues related to generational succession. A study on the opportunities for micro-credit toward beneficiaries of international protection funded by the European Fund for Refugees (2009-Action 1.B) and conducted by the Associazione Microfinanza e Sviluppo Onlus and the International Organization for Migration, in 2011, showed that about 42% of the refugees could get great benefits from empowerment and training actions.

This group was equally divided in two groups having the same size: a first one who, despite having a good or even average level of resources in terms of cultural capital, professional and social skills, is in need to be helped to better identify goals to be achieved (33%) and a second group (9%) consists of those who have clearly identified their goals, but they need to be helped to strengthen their resources (social networks, professional skills and economic capital).

This experience allows to have a better understanding of people “disoriented” (group one) and “potential clients” (group two). If for disoriented people an orientation activity was needed, for potential clients efforts to deploy were less intensive. Nevertheless disoriented people might be considered too as “potential clients” and adapted and customized empowerment actions (“Pre-activities”) could help them in developing their dreams. In the absence of centers of connection between supply and demand, the matching between who offers jobs and refugees seeking jobs passes mostly through informal ethnic networks and personal relations.

Despite the fact that personal relations and informal ethnic networks might be considered a good and efficient opportunity, we consider that it is in part a loss of opportunity to identify important skills and cultural background of the individual. In Italy and Spain, such kind of services is weak or totally inexistent for this target of people. This situation creates, in one hand, an ineffective and problematic social integration, and on the other hand, despite Dublin Directive, it directs the most of internal migration flows toward the countries of Northern Europe.

GENERAL AND SPECIFIC OBJECTIVES OF THE PROJECT

The overall objective of the project is to promote the well being of persons benefiting from international protection by implementing more adapted policies and procedures at EU Level.

On part of the specific objectives, the project aims at the social integration of beneficiaries by:

1) To contribute to the improvement of international protection seekers policies and reception procedures within hosting countries and to support homogenous labor inclusion best practices.

2) To facilitate the improvement of public and private actors' capabilities to identify, understand and develop policies and tools adequate to vulnerable persons benefiting from international protection in some selected EU territories as to promote their access into the labor market by enhancing global value chain labor opportunities.

3) To create the conditions for the beneficiaries to have the opportunity to work in various European countries, while remaining in the country that granted international protection.

5. DELIVERABLES and EXPECTED RESULTS

6. EXPECTED IMPACT

5. / 6. The project will be structured into four main phases that correspond to the four expected results to be achieved during two years project.

a) Performing a refugees and persons benefiting from subsidiary protection status routing map study so as to detect opportunities and threats in the development of job opportunities The direct beneficiaries of this result will be the European partners of the project in charge of the technical assistance activities that will better target job-assistance services for refugees by acquiring a deep understanding of beneficiaries’ migration projects and formal and informal networks, tools and procedures in place within the European Union. To this purpose the study is seen as a key starting point for having a better understanding on procedures and services in place in the different EU regions and to have a clearer picture on policies and procedures promoted at local level. According to project objectives, project activities should be harmonized (EU Members States have different immigration systems and also different is the methodology used) and for that the study is needed as a key reference and to align partners with the same level of knowledge and updated data. The indirect beneficiaries will be the National / Regional systems for reception of refugees (such as the Italian or SPRAR) and other European Institutions that will benefit freely of this information for better tailoring their social inclusion services. The long-term impact of the study is to start a process of dialogue between the European institutions on the coordination of educational systems and professional assistance services oriented to the beneficiaries of the project. Depth knowledge of the internal migratory routes of refugees and persons benefiting from international protection and the mapping of migrant communities in Europe can help strengthen the cooperation of the countries of first-arrival and final-destination of these people through: - Alignment of common pathways of professional training and job placement services; - Formal recognition of skills and educational qualifications of the beneficiaries. National / Regional systems of reception of refugees will thus better recognize the opportunities to enhance transnational interventions for labor and social integration of refugees. The short-medium impact of this result will be a clearer vision of the migration routes within the EU and a deep insight on the needs expressed by the refugees in terms of job assistance. This will increase effective and tailor-made services offered by the project to the beneficiaries. Moreover, in the context of the creation of decentralized and Regional Job Hubs, will be strengthened the relationships with particular stakeholders (e.g. specific migrant communities) that have a significant presence in more than one of the participating European countries.

b) Training and support in their job-design and business start-up to a group of persons benefiting from international protection in the three target countries

The beneficiaries of this result are selected persons benefiting from international protection that can get great benefits from empowerment and training actions.

These subjects can be divided into two groups, both including "pre-actives" beneficiaries that will contribute to better orientate their expectations: those who, despite having a good or even average level of resources in terms of cultural capital, professional and social skills, nevertheless need to be helped to better identify their goals, “disoriented”.

Those who have clearly identified their goals, but who are in need to be helped to strengthen their skills and tools (social networks, professional skills and economic capital), or the “potential clients” group. At the end of the action 170 beneficiaries will be involved into project activities and will benefit of training and mentoring actions.

The impact in the short / medium term will be the empowerment of beneficiaries who have strong professional and business potential resources but who need to be helped to better identify their goals and to properly valorize their skills in the European labor market. The impact in the long term will be a more effective social integration of beneficiaries and greater awareness of them on their possibility of integration into the European context.

Un lavoro di workshop

SERVIZIO

Sportello protezioni internazionali

TITOLO

Ostello Internazionale della Gioventù Migrante

ABSTRACT

La vision Nasce dall’impronta che viene data a tutta la programmazione territoriale del centro e nord europea relativamente ai temi legati all’inclusione sociale e lavorativa, e cioè quella di far convergere bisogni contigui di differenti categorie sociali verso un’unica soluzione territoriale.

I bisogni Andando ad analizzare il territorio bolognese ciò che emerge in modo evidente è da un lato il fenomeno della fuoriuscita dei rifugiati dai programmi “Emergenza Nord Africa” e “Mare Nostrum”, ma anche in alcuni casi Sprar, sforniti di competenze linguistiche e professionali (cioè conoscono male l’italiano e non hanno svolto programmi di orientamento e inserimento lavorativo), ma anche di una dimensione abitativa stabile, per questo costretti dagli eventi a girovagare per la città, con le medesime dinamiche dei senza dimora, facendo, per questo, riferimento all’Help Center della stazione ferroviaria.

Dall’altro lato c’è un mondo studentesco estremamente variegato, migratorio sia a livello regionale che a livello europeo ma anche proveniente da alcuni paesi dell’Africa sub sahariana, da cui sono originari proprio diversi segmenti dei richiedenti asilo e rifugiati in città.

Un mondo studentesco che vive tre criticità di fondo: gli alti costi degli appartamenti dove poter soggiornare, un alto costo della vita e una formazione universitaria generalmente di tipo teorico. La mission Incrociare i bisogni di queste due categorie è possibile attraverso l’idea di un Ostello Internazionale della Gioventù Migrante…

Un edificio adibito ad Ostello, gestito dal punto di vista dell’accoglienza alberghiera dai rifugiati. In questo contesto i giovani rifugiati si troverebbero a convivere con gli studenti afferenti all’Università di Bologna, provenienti da altre regioni italiane, da altri paesi europei, mediante il programma Erasmus, e dai paesi dell’Africa sub sahariana.

Ad essi si concederebbe l’alloggio gratuito in cambio dell’attivazione di laboratori dove insieme ai giovani rifugiati, anch’essi alloggiati presso l’ostello, possano scambiare know how in termini di apprendimenti linguistici, ed interagire insieme all’interno di laboratori sullo sviluppo delle competenze professionali.

Il tema centrale sulle competenze professionali potrebbe essere considerato nell’ambito della promozione turistica della città di Bologna, attraverso nuovi piani di sviluppo della città, come nuove piste turistiche da promuovere, si pensi ad esempio al tema della valorizzazione del lungo Reno…

GLI OBIETTIVI

– Promozione di una cultura giovanile internazionale solidale

– Inserimento lavorativo di tipo alberghiero - target group rifugiati

– Creazione di laboratori internazionali sullo scambio linguistico

– target group rifugiati/studenti

– Creazione di laboratori su arti e mestieri

- target group rifugiati

– Elaborazione piani di sviluppo turistico per l'area metropolitana bolognese - target group rifugiati/studenti

LE MACROAZIONI

Le caratteristiche dei laboratori si possono distinguere, tenendo sempre presente una organizzazione e supervisione esterna da parte di esperti, sia in termini autogestione, come per i laboratori sullo scambio linguistico, che diretti da esperti dei settori produttivi, individuati in seguito ad un’analisi appropriata.

*RISULTATI ATTESI

- Sviluppo delle competenze linguistiche e lavorative dei rifugiati

- Costruzione di un progetto di vita inclusivo per i rifugiati

- Creazione di esperienze socio-economiche sostenibili per segmenti del mondo studentesco bolognese

- Possibilità per gli studenti che partecipano al progetto di ottenere crediti formativi

- Promozione turistica del territorio bolognese con modalità innovative Ipotesi sulla rete di partenariato

• Comune di Bologna

• Università di Bologna

• Associazioni di categoria

• Camera di commercio

• Arci

• Amiss

• Ufficio del turismo Bologna

• Tour operator

BUONE PRASSI INTERNE DA VALORIZZARE PER L'INNOVAZIONE SIARR

- Sportello Integrazione Autonomia per Richiedenti e Rifugiati

BUONE PRASSI NAZIONALI E INTERNAZIONALI DI RIFERIMENTO

– Magdas Hotel

- CARITAS CITTA' DI VIENNA

– Grandhotel Cosmopolis

- Augusta Baviera

- Land Schwaben

– Bellevue di Monaco

- Collettivo Goldgrund/Municipalita di Monaco di Baviera

______________________________________________________________

*La dimensione numerica dei risultati attesi verrà stabilita in fase progettuale

Un lavoro di workshop

SERVIZIO

Sportello Protezioni internazionali

TITOLO

Piste di lavoro per i rifugiati in Europa

ABSTRACT

La vision Nasce dalla consapevolezza di valorizzare il potenziale umano dei rifugiati nel contesto del mercato del lavoro europeo, attraverso la possibilità di creare microimprese in Italia che possano costituire un modello d'intervento sul territorio nazionale e continentale, attraverso la costruzione di un sistema di relazione, finalizzato a erigere un ponte verso l'Europa, per far generare lavoro, bypassando il regolamento di Dublino.

I bisogni L’ambito di intervento su cui si vuole sviluppare la proposta è quello di rivitalizzare, attraverso strategie di sviluppo locale, il comparto dei mestieri artigianali che stanno scomparendo a causa della crisi vocazionale che generazionalmente investe le società cosiddette avanzate.

La possibilità di ricucitura di questo strappo generazionale proviene prevalentemente dai cittadini migranti, i quali sono portatori di abilità artigianali proprie alla caratteristiche produttive dei loro paesi d’origine.

In tal senso, riuscire a costruire filiere che possano ridefinire un sistema produttivo che si sta perdendo, dove attori pubblici e privati interagiscano in network, può rappresentare un modello d’intervento possibile per incrociare domanda e offerta ambedue disattese.

LA MISSION

Il progetto intende sviluppare due percorsi paralleli:

1. laddove i settori produttivi territoriali, legati alle tradizioni artigiane, stanno scomparendo, possono essere rivitalizzati dai cittadini migranti, che da un lato sono portatori di abilità legate ai mestieri artigianali, dall’altro però sono stigmatizzati, dalla falsa credenza generalizzata, in quanto “ladri di lavoro italiano”;

2. sostenere le migliori pratiche di inclusione al mercato del lavoro dei rifugiati, attraverso un modello omogeneo che possa essere esportabile sia a livello nazionale che europeo.

Tale modello può mettere in condizione i beneficiari di sviluppare opportunità in vari paesi europei, pur rimanendo nel paese che ha concesso la protezione internazionale. Questo è possibile attraverso la creazione di un data base relazionale con enti di sviluppo europei per favorire commesse all'estero.

Il luogo di sintesi dove far convergere questi due percorsi è il SIARR, lo sportello per l'integrazione e l'autonomia dei richiedenti e rifugiati interno all'Asp, che allo stato attuale lavora solo con i richiedenti e i rifugiati inseriti nello Sprar.

L'implementazione dello sportello, attraverso l'avvio di microimprese tramite interventi di microfinanza, rappresenta l'elemento di innovazione necessario per un territorio come l'area metropolitana bolognese.

GLI OBIETTIVI

– Avvio di start-up d'impresa

– target group rifugiati

– Costruzione rete europea d'impresa per la promozione di commesse aaal'estero Le macro-azioni

– Costruzione del tavolo di partenariato

– Selezione, orientamento e formazione ai rifugiati per le start-up – Costruzione database relazionale

– Validazione del modello *I risultati attesi – Avvio di start-up d'impresa per gruppi di rifugiati

– Costruzione data base relazionale con paesi europei

– Implementazione del SIARR a livello europeo Ipotesi di partenariato – Associazione microfinanza

– Associazioni di categoria

– Arci

BUONE PRASSI INTERNE DA VALORIZZARE PER L'INNOVAZIONE SIARR

- Sportello Integrazione Autonomia per Richiedenti e Rifugiati

BUONE PRASSI NAZIONALI E INTERNAZIONALI DI RIFERIMENTO

– Centres for Entrepreneurship and Start-pus / Paesi Bassi, Municipality of Amsterdam.

– Mingo Migrant Enterprises (Work package of project “Mingo Services for SME’s) / Austria, Vienna

- Vienna Business Agency.

– Intercultural Start-up / Germania, Hannover

- Hannoverimpuls GmbH.

– Entrepreneurs without Borders

– UnternehmerohneGrenzen / Germania, Amburgo

- Zentrum fur Existenzgrundungen und Betriebe von Migrantinnen und Migranten (Centre for business start-ups and companies of migrants.

– Projecto PEI- Promoção Empreendedorismo Imigrante / Portogallo

- ACIDI, I.P.

– High Commission for Immigration and Intercultural Dialogue, Public Institute

______________________________________________________________

*La dimensione numerica dei risultati attesi verrà stabilita in fase progettuale

Il Piano Strategico Metropolitano

 

Bologna, 2012 - Il Piano Strategico Metropolitano è un processo volontario e collegiale, di più soggetti pubblici e privati, teso alla condivisione e alla costruzione di una visione del futuro del nostro territorio, e mirato al suo posizionamento sulla scena regionale, nazionale e internazionale.

In esso trovano esplicitazione le differenti rappresentazioni dei problemi e delle priorità; si confrontano e trovano mediazione interessi e bisogni anche antagonisti; si mettono a punto gli obiettivi e le strategie necessarie; si definiscono i progetti possibili, le risorse potenzialmente utilizzabili e soprattutto si raccolgono le assunzioni di responsabilità dei diversi partner, pubblici e privati.

Il Piano Strategico Metropolitano è stato formalmente avviato con la presentazione del Manifesto lo scorso 24 Ottobre 2011 e la successiva nomina del Comitato Scientifico e Collegio Tecnico, i due Organi del Comitato Promotore, composto da esperti e dirigenti di alto livello e studiosi di materie affini ai contenuti del PSM.

 

I progetti dell'Asp Poveri Vergognosi

I progetti elaborati nel 2012 per il PSM di Bologna furono il prodotto di esperienze sul campo già avviate ma anche di analisi di contesto per altri progetti.

I due progetti riguardanti i rifugiati e le nuove povertà erano dunque stati "covati" per altre vie traverse.

Schede per la presentazione delle idee progettuali

 

Tavolo benessere e coesione sociale

Scheda 1 Asp P.V.

 

- Titolo dell’idea/progetto proposto

"LA FILIERA SOCIALE SOSTENIBILE" - Sviluppo dello "Sportello Integrazione e Autonomia per Richiedenti e Rifugiati" detto SIARR in Sportello Integrazione e Autonomia per Migranti (SIAM)

- Oggetto e obiettivi della proposta (max 400 battute)

Il progetto si propone di rivitalizzare, attraverso strategie di sviluppo locale, il comparto dei mestieri artigianali che stanno scomparendo a causa di una crisi di vocazione che investe le società avanzate. Secondo l'ultimo rapporto di Unioncamere, le imprese, sono in cerca di ben 25 categorie lavorative, per un totale di quasi 100mila posti lasciati vacanti, definiti “i mestieri introvabili”.

La possibilità di ricucitura di questo strappo generazionale può provenire proprio dai cittadini immigrati, portatori di alcune abilità artigianali tipiche dei paesi d'origine, da adattare al contesto locale. -

- Descrizione generale delle modalità di attuazione dell’idea progettuale/progetto (abstract)

Il SIARR è l'organismo interno allo Sportello Protezioni Internazionali, titolare del progetto Sprar, finalizzato all’integrazione socio-lavorativa, di cittadini stranieri beneficiari di protezione internazionale. Si occupa di: bilancio delle competenze, assesment clinico, mappatura, aggancio, inserimento nel mercato.

L'anello mancante, allo stato attuale, è la possibilità di una evoluzione legata allo sviluppo territoriale, che l'incrocio tra offerta di mestieri artigianali e domanda di mestieri introvabili può determinare, attraverso una formazione professionalizzante, e la messa a punto di una filiera sociale sostenibile.

Ecco perché s'intende, attraverso questo progetto, allargare il bacino d'utenza a tutta la popolazione migrante del territorio metropolitano.

- Ambito territoriale coinvolto

Il progetto pone in essere la realizzazione di forme stabili di “alleanza” tra stakeholders, che, partendo da prospettive diverse, sul territorio metropolitano bolognese, possano esprimere il bisogno di far convergere le loro strategie produttive all’interno della suddetta filiera.

- Indicazione degli elementi innovativi della proposta

L'elemento innovativo del progetto è quello di pensare alle azioni di welfare in termini di sviluppo locale, promuovendo una nuova visione strategica del territorio di cui le ASP possono essere portatrici, in questo caso rivitalizzando un sistema produttivo in crisi, rispondendo, insieme, in modo efficace alla questione dell’inclusione sociale.

- Segnalazione di eventuali applicazioni in altri contesti geografici e/o in altri ambiti (best practices)

Scala nazionale: Sedi territoriali Sprar, dove già il SIARR è stato presentato come best pratic dal Servizio Centrale. Sportelli immigrati. Scala europea: progetto MiStra - Migrant Inclusion Strategies in European Cities, nel programma di mainstreaming LLPP di cui l'Asp PV è partner, per lo scambio europeo in tema di inclusione.

- Indicare le risorse (finanziarie, umane, organizzative, strutturali, ecc.) complessivamente necessarie alla realizzazione del progetto

1) fase di aggiornamento professionale. attraverso interventi ad hoc, su preventivi di spesa degli enti formativi coinvolti;

2) contribuzione all'attivazione di borse lavoro;

3) staff dei tre consulenti SIARR, da ampliare in termini di monte ore rispetto all'esistente legato al target delle protezioni internazionali.

- Indicare le risorse (finanziarie, umane, organizzative, strutturali, ecc.) che il soggetto proponente /eventuali partner intendono mettere a disposizione per la realizzazione dell’idea progettuale/progetto e per la sua sostenibilità futura

Una risorsa dello Sportello Protezioni Internazionali come figura di raccordo. X È già in atto una prima sperimentazione X Ci sono le condizioni per fare subito uno studio di fattibilità operativa X Prima dello studio di fattibilità è necessario creare delle condizioni di contesto favorevoli (specificare quali) Considerato che il progetto rappresenta la fase di sviluppo di una realtà già in essere, l'implementazione dei processi possono essere attivati dopo che si costruisce la rete interistituzionale tra enti locali e stakeholders, insieme all'attuazione di un'analisi strutturata dello scenario metropolitano bolognese sui mestieri in crisi di vocazione.

 

Tavolo benessere e coesione sociale

Scheda 3 Asp P.V.

 

- Titolo dell’idea/progetto proposto

P.E:F - "Poter Essere Famiglia"

- Oggetto e obiettivi della proposta (max 400 battute)

Lo scopo è quello di fornire a persone in difficoltà economica, un piccolo aiuto in termini di sostentamento alimentare. Il disagio alimentare di una "Famiglia" rappresenta il momento in cui il concetto stesso di famiglia viene messo in discussione, infatti alla base dello statuto etico della stessa rientra il bisogno primario dell'alimentazione. Riuscire a sostenere una famiglia in difficoltà economica attraverso il sostentamento alimentare, è un modo per riconsegnare alla stessa lo "statuto etico perduto" quindi poter essere famiglia. - Descrizione generale delle modalità di attuazione dell’idea progettuale/progetto (abstract)

La persona bisognosa si rivolge al Centro per le famiglie gestito da ASP Irides per conto del Comune di Bologna per manifestare il proprio disagio. Il “Centro per le Famiglie” tramite una scheda informativa raccoglie tutte informazioni che riguardano la famiglia in questione che vengono inviate per mail ad ASP.

L'Asp contatta le persone e dopo una ricerca sul territorio delle associazioni più vicine all'utente in questione le segnala alle stesse. Le associazioni sono quelle accreditate al Progetto. "Asp Naturalmente Solidale". Individuata l’associazione disposta ad accogliere la domanda di “Aiuto”, l’Asp contatta la famiglia e la informa sulle modalità del primo incontro indicando la data, l’ora e il luogo.

- Ambito territoriale coinvolto

Comune di Bologna e alcuni Comuni limitrofi

- Indicazione degli elementi innovativi della proposta

Costituzione di una rete di collegamento tra il progetto ASP Natualmente Solidale e il progetto P.E:F.(Poter Essere famiglia).

Monitoraggio delle esigenze delle famiglie, eventuali segnalazioni ai S. S. T. e uso dello Sportello "lavoro" del Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà ASP Poveri Vergognosi Indicare le risorse (finanziarie, umane, organizzative, strutturali, ecc.) complessivamente necessarie alla realizzazione del progetto.